STORIE DA NUOTATORI: ERA DAVVERO L’ULTIMA OCCASIONE!

Questa è una storia che conosco bene, giuro non sono di parte e chi l’ha scritta lo ha fatto di sua spontanea iniziativa, posso dire in questo caso di esserci stato e ne vado fiero, delle mie scelte e del risultato ottenuto, come anche sono felice per le parole sincere dedicate a quell’allenatore…
Sono una nuotatrice semplice, di quelle nella media, che per anni hanno inseguito una linea blu nel fondo sognando di poter fare quei maledetti tempi che ti permettevano di poter entrare nel mondo dei più forti, nel mondo di quelli che sognano davvero in grande.
Per anni ho cercato disperatamente di riuscire a fare quel tempo, ma come si sa, il nuoto è 30% allenamento e 70% testa e a me quel 70% è sempre mancato, mi allenavo tanto ma una volta arrivata alla gara non riuscivo mai ad esserci totalmente sotto il profilo mentale e quindi fallivo, fallivo ogni volta. Però non mi sono mai arresa, ho pensato di smettere tante volte ma per fortuna non ne ho mai avuto il coraggio. Anche se i giorni in cui i miei compagni di allenamento andavano a Riccione o a Roma per me erano i giorni più brutti di tutto l’anno. Ma ogni volta pensavo ‘l’anno prossimo ci andrò anche io’. 
Dopo 6 anni di continui tentativi e fallimenti, potevo avere la mia rivincita, grazie al mio allenatore che nonostante tutto non ha mai smesso di credere in me, potevo avere la possibilità di vivere per una volta il mio sogno nel mio ultimo anno di categoria cadetti, quindi nell’ultimo anno valido per i Criteria
Non era un sogno da protagonista, nel senso che non potevo fare un gara individuale, ma potevo partecipare attraverso una staffetta che per me, che ci avevo provato per sei anni, era un enorme traguardo. L’unica cosa che dovevo pensare, era riuscire a fare un tempo che era alla mia portata e il posto sarebbe stato mio, o almeno me lo giocavo contro una compagna di squadra gia dentro per la staffetta a stile libero e che nemmeno fosse fatto apposta ha il mio stesso nome!
Mi sono allenata tanto per quel momento anche mentalmente, avevo studiato passo per passo la gara nella mia testa. La gara che dovevo fare era nella prima parte del campionato regionale. Credevo di essere pronta per quella gara individuale, i 100 dorso, ma così non era, sono andata in acqua convinta di potercela fare, perché sapevo di poterlo fare, ma una volta entrata per l’ennesima volta la paura di fallire ha preso il sopravvento, ed ecco che ancora una volta sono uscita dall’acqua da perdente. Pensavo che il mio sogno, per il sesto anno di fila fosse andato in fumo ma c’era chi ha sempre creduto in me e che voleva forse anche più di me portarmi a Riccione, per questo ha voluto darmi un’altra occasione, potevo rifarlo in staffetta, nell’ultima parte delle gare, nell’ultima gara dell’ultimo giorno utile, era davvero l’ultima occasione della mia vita dopodiché addio Criteria per sempre!
In quel momento ho capito che non potevo più fallire, non me lo sarei più perdonata, quindi una volta entrata in acqua ho spento i pensieri e ho dato tutto ciò che avevo, ho fatto la gara proprio come dovevo farla e il tempo conseguito era identico a quello della mia compagna Silvia!
Quando il mio allenatore mi ha abbracciato per dirmi che ci ero riuscita e che il posto sarebbe stato mio, tutte quelle ore spese in acqua, tutti quei pianti, tutti i sacrifici hanno avuto un senso, hanno preso una forma, ed è un momento che porterò sempre con me. Un ricordo che mi ha fatto crescere e mi ha fatto capire che non bisogna mai arrendersi. Tutto questo grazie anche al mio allenatore che anche se aveva un suo modo per farmelo capire ha sempre creduto in me, ed è grazie a lui che poi ho iniziato a crederci anche io. 
E ora che ho una mia squadra, spero solo di poter dare anche solo la metà degli insegnamenti che lui in questi anni ha dato e che continua a dare a me.
In questo momento per tutti noi molto difficile, ricordate che siamo atleti e come tali non molliamo mai, anzi ci rialzeremo ancora più forti.

Silvia Marrocu

Atlantide Elmas- Cagliari

Se anche tu vuoi raccontare la tua storia scrivi a: swimmingchannel@hotmail.it

Consigli per gli acquisti by iSwim Shop, clicca sull’immagine e scopri i nuovi bracciali con le corsie in miniatura firmati Ossidabile!

Corrado Sorrentino
Swich Founder

Related Articles

BLACKLINE! L’UNICA VERA SOLUZIONE AL CLORO, IL REGALO PERFETTO PER NATALE!

Se da una parte è vero che tantissimi nuotatori amano sentire l’odore del cloro sul proprio corpo...

Benny on top of ISL!

https://www.facebook.com/253818311309515/posts/5044107785613853/?d=n

Cerasuolo record mondiale, l’intervista dì Swim4Life.

https://www.instagram.com/tv/CW51RfGApYl/?utm_medium=copy_link

Stay Connected

21,994FansLike
0FollowersFollow
2,429FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Latest Articles

BLACKLINE! L’UNICA VERA SOLUZIONE AL CLORO, IL REGALO PERFETTO PER NATALE!

Se da una parte è vero che tantissimi nuotatori amano sentire l’odore del cloro sul proprio corpo...

Benny on top of ISL!

https://www.facebook.com/253818311309515/posts/5044107785613853/?d=n

Cerasuolo record mondiale, l’intervista dì Swim4Life.

https://www.instagram.com/tv/CW51RfGApYl/?utm_medium=copy_link

Cerasuolo Mondiale Junior nei 50 rana davanti a Scozzoli e Martinenghi!

Da swim4lifemagazine Simone Cerasuolo si regala un 50 rana da urlo, migliorato il Record...

Nico Sapio 2021-PapàRazzo in azione…book 1…

https://www.facebook.com/100044570225387/posts/432010411627963/?d=n
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: