some image

Swimming Channel

NAPOLI ABBRACCIA LE STELLE DEL NUOTO: FEDERICA PELLEGRINI E I SUOI AQUA CENTURIONS PROTAGONISTI DELL’ISL

Tag:, , , , , Eventi, International News, News Italia No comments

Piscina Scandone, atto primo. Napoli ha accolto l’International Swimming League col suo tifo caldissimo, che s’è fatto bollente per il Team Aqua Centurions di Federica Pellegrini. Il capitano della squadra Made in Italy ha nuotato per il suo pubblico con due quarti posti: nei 200 stile libero e in staffetta 400 sl insieme a Di Pietro, Oliveira e Munoz.
 
Da capitano, Federica Pellegrini ha incitato la sua squadra e Aqua Centurions non ha deluso le attese. Come a Indianapolis, Nicoló Martinenghi ha vinto i 50 rana, migliorando il suo personale (25.98) davanti a Fabio Scozzoli, e trascinato la staffetta dei 400 misti con Simone Sabbioni, Matteo Rivolta e Alessandro Miressi al successo in 3:24.80. Da Indianapolis a Napoli, arriva anche la conferma di Breno Correia nei 200 stile libero (1:43.56) precedendo di 2 centesimi Majchrzak.
 
«Le gare in casa regalano sempre tante emozioni e il pubblico è stato fantastico – ha dichiarato Federica Pellegrini al termine delle gare – Il tempo mi soddisfa e sono molto contenta del mio score (1:53.85) nonostante tutti i miei impegni extra-nuoto. La piscina Scandone è bella e ISL è un altro modo di vivere il nuoto, con una formula veloce che ottimizza il nostro spirito di squadra. Sono molto orgogliosa di essere il capitano di Aqua Centurions e molto orgogliosa che Matteo Giunta, il mio allenatore, lo sia anche di una squadra al 90% Made in Italy. Oggi è stata una giornata incredibile: siamo andati un po’ più forte di Indianapolis, ma anche sfortunati e comunque felici del nostro terzo posto».
 
Sempre per Aqua Centurions, Matteo Rivolta ha chiuso al terzo posto una delle gare più intense del sabato, i 100 farfalla vinti da Chad Le Clos (49.35) davanti a Caeleb Dressel, e terzi sono stati Elena Di Liddo nei 200 dorso (vinti da Olivia Smoliga in 26.26 nel giorno del suo compleanno), Simone Sabbioni nei 50 dorso e la staffetta maschile dei 400 stile libero – Correia, Condorelli, Gkolomeev e Miressi – che ha chiuso il programma della prima giornata.

Al suo debutto in ISL, Caeleb Dressel ha vinto i 50 stile libero in 20.64 trascinando con Lilly King (prima nei 50 e nei 200 rana) i suoi Cali Condors in testa alla classifica parziale di Napoli (237,5) davanti a Energy Standard (230), Aqua Centurions (174) e DC Trident (162,5). Dressel dichiara: «È stato molto divertente e non ho sentito la pressione. Sono contento di aver dato un grande contributo alla squadra e felice della nascita di ISL: un cambiamento molto importante con gare secche e veloci, che ci fanno esprimere il nostro talento puro». 
 
Sempre protagonista Sarah SjöströmMVP di Indianapolis, con un secondo posto in apertura (100 farfalla vinti da Keisi Dahlia) e il successo nei 50 stile libero in 23.63 oltre alla staffetta Energy Standard femminile 4×100: «L’atmosfera napoletana è stata molto calorosa e ringrazio il pubblico, che ha incitato tutti gli atleti. Sulla mia prestazione, sono molto felice anche se non sono riuscita a ripetere i tempi di Indianapolis».
 
Il più grande spettacolo del nuoto torna domani alla piscina Felice Scandone di Napoli, che fa intanto registrare il tutto esaurito con 1600 spettatori, in televisione su Eurosport 2 e live streaming su Eurosport Player dalle 19:00.

La tappa napoletana della International Swimming League è patrocinata dal Comune di Napoli e ha come media partner il Corriere dello Sport – Stadio e Radio Kiss Kiss. Main Sponsor dell’evento sono Fastweb e Pastificio Di Martino, mentre partecipano in qualità di Sponsor VivaTicket, BCC Napoli, EP SpA e Ble Enjoy Energy.
 
La International Swimming League presenta uno spettacolo mai visto prima nel panorama del nuoto: una competizione a squadre cosmopolita e moderna composta da 8 franchigie, che si sfideranno con un calendario di gare europee e americane, fino alla finale di Las Vegas.
 
La prossima tappa si terrà il 19-20 ottobre a Duncan Ln, Lewisville. 
Il futuro del nuoto è adesso: l’acqua è l’elemento della rivoluzione.

Add your comment