some image

MOTIVATIONAL

Ai 1000 tutti giù! Il significato dell’essere squadra!

Tag:, , , , , MOTIVATIONAL, News Italia No comments

Tiro  Volo Tifo Roma 2018Avevo lasciato in sospeso un pensiero, oggi chissà per quale motivo, devo ancora capirlo, è ritornato da solo fuori e logicamente lo voglio condividere con voi!

Campionati di categoria Roma 2018, si nuota la prima serie dei 1500 e in acqua tra i tanti bravi c’è Ivan Giovannoni del Tiro a Volo Nuoto, squadra di casa che ormai da anni sta inanellando non pochi successi tipo quello di Federico Burdisso a Glasgow, in acqua Giovannoni e in tribuna una folta schiera di compagni di squadra, ma non sono i piccoli della categoria ragazzi, sono i più grandi che da domani scenderanno in acqua per le categorie superiori.

Perché descrivo questo?

Perché vedo un significato ben preciso di cosa vuol dire essere squadra, forse è proprio questo il segreto del successo del Tiro a Volo, forse perché la capitana della squadra Maria Vittoria Fiori è la prima a scatenarsi in tribuna guidando gli altri al tifo, ai 1000 tutti giù, a sostenere Ivan Giovannoni, forse perché si agitano tutti braccia a cielo, forse perchè il senso dello spirito di squadra lo si vede sempre più raramente, in un periodo sociale in cui piuttosto che parlare con i compagni di squadra si guarda il telefono e ci si fa un selfie, forse perchè mentre ho il compagno in acqua preferisco aggiornare lo stato su facebook in cui dico appunto che il mio compagno è in acqua, insomma, volevo solo riprendere questo mio pensiero parcheggiato nel server di Swimming Channel perchè ora che la stagione è ricominciata, durante gli allenamenti, durante le gare, mentre siamo in tribuna o anche nel bordo vasca, possiamo usare meno il telefono e unire di più invece il legame con i nostri compagni, possiamo fare più squadra come fanno i ragazzi del Tiro a Volo.

Ricordandoci che il nuoto è uno sport di squadra, siate squadra, pensateci, sarà una stagione più divertente!

European Youth Olympic Festival: dal 24 al 28 luglio.

Eventi, International News, MOTIVATIONAL, News Italia No comments

Aqua Sports Centre – ph. gyor2017.hu

Perché oltre ai mondiali di Budapest l’Ungheria sarà impegnata nell’organizzazione di un’altra importantissima manifestazione giovanile, gli EYOF, in programma a Gyor dal 24 al 28 luglio.

European Youth Olympic Festival, una piccola olimpiade in cui c’è il nuoto naturalmente ma anche altri 9 sports, una manifestazione per la quale coach Walter Bolognani ha selezionato un bel gruppo competitivo formato da: Michela Caglio (Team Lombardia), Noemi Cesarano (Time Limit), Costanza Cocconcelli (NC Azzurra 91), Antonella Crispino (Assonuoto), Gaia Giovannoni (RN Massa), Sofia Morini (Coopernuoto), Martina Ratti (Team Lombardia), Asia Isabel Toma (Fritz Dennerlein), Giorgia Bavalle (DDS), Federico Burdisso (Gestisport), Thomas Ceccon (Leosport), Giulio Ciavarella (Pentotary), Fabio Coppola (Swim Por SS9), Michele Sassi (Aquarius Piscina Canosa), Tobia Svaldi (Antares Nuoto), Edoardo Filippo Valente (Gestisport). Nello staff, insieme a Bolognani, i tecnici Gabriele Bonazzi, Alberto Burlina e Mario Leonardo Ciavarella.

Allenatore-Atleta-Genitori: il triangolo delle bermuda.

Tag:, , MOTIVATIONAL, News Italia No comments
aQa rivista nuoto

aQa rivista nuoto

Di di recente sono incappato molto piacevolmente in un articolo pubblicato nella nuova rivista del settore aQa, un articolo molto interessante di un dirigente sportivo nonché insegnante di educazione fisica ma anche docente della federazione italiana nuoto e quindi del settore istruzione tecnica, insomma Gianfranco Defendi non è proprio l’ultimo arrivato!

Questo articolo mi ha incuriosito perché tratta un argomento a me molto caro ovvero il rapporto tra allenatori atleti e genitori, e ripassa un po’ quelle che sono le dinamiche in questo rapporto triangolare evidenziando pregi e difetti nelle diverse situazioni.

Vi propongo quindi uno stralcio con alcuni passaggi dell’articolo ma capirete bene che per correttezza non posso andare troppo oltre, se posso darvi un consiglio però fate come ho fatto io, procuratevi la bella rivista semestrale e fate tesoro delle parole del professor Gianfranco Defendi!

…Da molte parti sento dire che le generazioni sono cambiate. Probabilmente è vero, un tempo lo sport era un aggregatore. Ore e ore passate a giocare con gli amici e il telefonino l’ultimo dei nostri pensieri… Continua a leggere

La ginnastica vista da un genitore che ha capito.

Tag: MOTIVATIONAL, News Italia No comments
featured image

Grazie ad una amica (Sara)mi sono imbattuto in un post di una ex ginnasta ora allenatrice pubblicato il 1º aprile, non è uno scherzo ovviamente anche perché il discorso è serio, molto bello, e con delle similitudini con il nostro sport (ma anche con altri) che ci fanno capire tante cose e ci ricordano quali sono i principi che ci legano alla nostra quotidianità, ci fa capire perché lo facciamo, perché preferiamo essere “una specie diversa” anziché nuotare nella banalità del nulla sportivo senza poterci creare la soddisfazione eterna di poter dire “io ho fatto!”

Anche io ringrazio mia madre e mio padre per le loro scelte, 41 anni fa, se avessero scelto di fare altro io non sarei qua a scrivere del mio bellissimo mondo acquatico, il nuoto. Continua a leggere

La Vera Crescita Arriva Quando…

MOTIVATIONAL

image

Periodicamente ognuno di noi ha dei momenti di sfiducia, di difficoltà, momenti in cui tutto sembra inutile e l’unica cosa che si ha voglia di fare è mollare, eppure come anche nel video del bravo Mateusz è descritto, proprio in quel momento dobbiamo trovare la forza di rialzarci, perché quello è il momento in cui stiamo diventando più forti, e allora non avremo più paura di provare e inizieremo a ripeterci ogni giorno in ogni cosa che davvero sogniamo, I CAN!

 

Le cose impossibili non esistono!

Tag:, MOTIVATIONAL

Ogni giorno ci fermiamo di fronte a delle cose che sono di una così piccola banalità che non meriterebbero nemmeno di essere prese in considerazione, così altre volte sognamo di fare delle imprese, sognamo di fare delle cose impossibili, le sognamo ma siamo così deboli che il nostro sogno svanisce come niente e così ci perdiamo nella quotidianità e moriremo nel tempo senza che dentro di noi nessuna fiamma resti accesa. Quante volte ci siamo detti “è impossibile, non ce la farò mai”? Troppe volte.

E’ arrivato il momento di iniziare a pensare in modo diverso, è arrivato il momento di iniziare a ripeterci che ce la possiamo fare, è arrivato il momento di iniziare a pensare che le cose impossibili non esistono.

(chiedetelo a Jason Lezak, come ha fatto in quarta frazione a riprendere Alain Bernard primatista mondiale dei 100 stile libero)